Crea sito

Nuove Recensioni

Lo sconosciuto del lago

Fino a che punto siamo disposti a spingerci per soddisfare i desideri del corpo e dell'anima? E' intorno a questo interrogativo sostanziale che ruota il film-scandalo del festival di Cannes, Lo sconosciuto del lago, scritto e diretto dal regista francese Alain Guiraudie. Un'opera di genere - un noir classico si potrebbe definire - in cui la certezza del delitto e dell'uccisore turba, ma non scal... Leggi tutto

Oh Boy. Un caffè a Berlino

  C’è qualcosa in Oh Boy. Un caffè a Berlino di Jan Ole Jerster che ricorda i film muti di Charlie Chaplin: non che qui manchi il suono della voce, né tantomeno è la scelta stilistica del bianco e nero a rievocarli; piuttosto sono le atmosfere inquiete e malinconiche della vita metropolitana, insieme alla condizione marginale del protagonista, a creare questo particolare aggancio. S... Leggi tutto

La quinta stagione

La quinta stagione è come un quadro metafisico di De Chirico, dove il tempo e lo spazio sono vittime di un incantesimo che congela la vita: schiude lo scrigno delle anime mortali per rivelare il sacro che è insito nella natura delle cose, dell'essere e del non essere su questo mondo. Ma è anche un dipinto fiammingo di Brueghel dove figurine minuscole e laboriose come formiche popolano paesagg... Leggi tutto

Nella casa

René Clair diceva che «non si può acquisire il dono di saper scrivere o inventare. O lo si possiede o non lo si possiede». Un assunto che respinge ogni tentativo di approcciarsi alla scrittura in assenza di una naturale propensione, di una specifica determinazione a dare forma attraverso l'arte del racconto a concetti, idee e invenzioni: la stessa che Germain (Fabrice Luchini) sa di non aver... Leggi tutto

Fast and Furious 6

Non c'è sesso in Fast & Furious 6. Potrebbe sembrare irrilevante ma è un elemento significativo poichè catalizza l'attenzione su un'unica necessità: correre. E furiosamente. Il che, generalmente, si affianca al vorticoso abbandono ai sensi, alla passione per la donna amata, in un misto di pulsione e adrenalina che vieta di fermarsi:"corri o muori" è il motto con cui i protagonisti si esal... Leggi tutto

cerca nel sito

Recensioni Più Cliccate

Stanno tutti bene
Frank Good ( [[Robert De Niro]] ) è un operaio in pensione rimasto vedovo. Ansioso di ricevere la visita dei suoi quattro figli sparsi per L'America, si prodiga, felice come un bambino, nell''acquisto dei vini più buoni e del barbecue più efficiente. Ma un seguirsi di  telefonate lo informa la sera prima che nessuno di loro potrà raggiungerlo, per le più svariate scuse. Da qui la decisione di partire, nonostante le sue precarie condizioni di salute, e di bussare alla porta di ciascuno di loro, per assicurarsi che stiano bene, che si siano realmente realizzati, ma  soprattutto mosso dal bisogno di verificare e  ridefinire il proprio ruolo paterno nelle loro vite. Ciascun incontro ( degno di nota è quello con la figlia interpretata da [[Drew Barrymore]] )scandi...Novità 23-12-2010Read more
Lo sconosciuto del lago
Fino a che punto siamo disposti a spingerci per soddisfare i desideri del corpo e dell'anima? E' intorno a questo interrogativo sostanziale che ruota il film-scandalo del festival di Cannes, Lo sconosciuto del lago, scritto e diretto dal regista francese Alain Guiraudie. Un'opera di genere - un noir classico si potrebbe definire - in cui la certezza del delitto e dell'uccisore turba, ma non scalfisce, la passione carnale e l'istinto primitivo di un uomo per il suo amante: per quanto, quest'ultimo, assassino a sangue freddo. Non conta se la verità sul finale verrà svelata pubblicamente; non ha importanza se le indagini della polizia andranno a buon fine: quanto qui interessa scoprire e sviscerare è la forza pericolosa e incontrollabile dell'erotismo, dell'attrazione più impulsiva e im...Novità 21-10-2013Read more
Mignon
  «Non è colpa nostra se c'è un cinema a luci rosse. E' colpa di Napoleone» racconta divertito Nello Poletti, il cassiere del Mignon: l'unica sala porno rimasta attiva a Ferrara, e sorta in una ex-Cattedrale, sconsacrata ai primi dell'Ottocento. Chiesa ed erotismo dunque: un contrasto che genera fascino e stupore; in altri sdegno e repulsione; in altri ancora semplice curiosità o interesse da cinefilo. Esattamente come quello che ha spinto Massimo Alì Mohammad a dedicare, al singolare edificio di via S. Pietro, un docu-film, "Mignon" appunto, attualmente in giro per l'Emilia con l'iniziativa Doc In Tour. Il regista, classe '83 e menzione speciale al festival di Torino  per il corto "La nonna", costruisce un racconto raffinato nello stile e delicato nell'approccio. Al di là...Novità 23-04-2013Read more

Questa settimana Leggoilcinema consiglia...

Pianeta azzurro
Immagine dettagli film   “E’ un’immagine che cura”, dice una spettatrice dopo la visione di “Pianeta azzurro”, il primo lungometraggio girato da Franco Piavoli, nel 1982. Una considerazione forte, spontanea, che il regista ha accolto con particolare com...Consigliati 10-08-2012Read more
    

Bastardi senza Gloria

 


Pagina 1 di 2



Registrati per accedere a tutti i contenuti del nostro sito
Licenza Creative CommonsLeggo il cinema by Maria Gentile & Vitaliano Alberti is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 2.5 Italy License
Secured by Siteground Web Hosting